Rifiuti al porto di Salerno, Procura di Potenza lascia il nulla osta al trasferimento

Sono terminate ieri alle 18.30 le verifiche sulla qualità dei rifiuti provenienti dalla Tunisia e che dallo scorso 24 febbraio sono stoccati in 213 container all’interno di un terminal del porto di Salerno. Le operazioni, coordinate dal sostituto procuratore di Potenza, Vincenzo Montemurro, hanno visto impegnati i vigili del fuoco del nucleo Nbcr, specialisti che vengonochiamati ad intervenire quando esiste un pericolo di contagio da sostanze nucleari, biologiche, chimiche o radiologiche. La Procura di Potenza ha, infatti, disposto un campionamento dei container (33) per escludere la presenza di radioattività, di gas nocivi e – da un punto di vista visivo – la presenza di rifiuti pericolosi. I controlli, da quanto apprende l’Ansa, hanno permesso di escludere che i rifiuti stoccati nei container siano radioattivi o che emanino gas nocivi. Pertanto la Procura di Potenza – titolare del fascicolo – ha rilasciato il nulla osta al trasferimento. Adesso dovrà essere concordato il tutto dal punto di vista amministrativo ed è probabile che l’iter per il trasporto nel sito militare di Persano, nel comune di Serre, debba essere stabilito in Prefettura a Salerno. Intanto proprio da Serre il sindaco Franco Mennella ha rivolto un appello al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per chiedere il rispetto «del protocollo sottoscritto dagli organi istituzionali nel novembre 2007».
«Le scrivo», si legge nella lettera trasmessa via pec al Quirinale, «per porre alla Sua attenzione l’urgenza di questo territorio di evitare che ancora una volta venga utilizzato quale sito di stoccaggio di rifiuti d’incerta natura, prodotti altrove». Mennella ha quindi ricordato il protocollo firmato nel 2007 quando «per senso di responsabilità questa collettività accettò di dare soluzione a un problema, quello dell’emergenza in Campania, che aveva raggiunto dimensione nazionale». «Quel protocollo – aggiunge Mennella – prevedeva che mai più questo territorio avrebbe accolto altri rifiuti». Accordi che il Comune di Serre, anche con la lettera indirizzata al presidente Mattarella, chiede «vengano rispettati pedissequamente»

Condividi
il blog del cilento
error: cilentano.it