SSUCv3H4sIAAAAAAAEAJ2Rz26DMAzG75P2DihnkFL+dGtfpdrBBANRQ1IlYVNV8e5zCJly3gXhn2P7++zX+1tRsB6cFOxavEJEsVRqdd6Cl0YT5uXBLeoBbU5wkN5YCSqHPXgxa1iQoF6VCnjbk8x58KtDF4YdSIDHiXpE+NciKrrFuEiJPUkVlGKszJhb+50ltJX/row/X8kNTKjFcxecGbGoEKKRW3zK7j8e7ZJbg3WQJnP1bQSo8KDJOj2sFFJPWZnx877lVCbMqr0NEtipSdqZMuYBvQpLHqkrJj6Dc1QwJJ6NEnRVs2STtPG7hWMjbKBbxDGny7nuPi51d+Z11/JPlu5nxF0Oucl40llSyj4zLoMCVnOAE+BYtbxt6DPyCi7YV23XiqaBcey5oNVvv82par+JAgAA

Prezzo del latte: grido d’allarme per gli allevatori del Vallo di Diano

Prezzo del latte: grido d’allarme per gli allevatori del Vallo di Diano che questa mattina (ieri, n.d.r.), riuniti a Padula in assemblea (nella sede del Consorzio di Bonifica Vallo di Diano), hanno incontrato il direttore di Coldiretti Salerno Enzo Tropiano. Gli allevatori denunciano speculazioni della filiera e chiedono un adeguamento del prezzo del latte, attualmente inferiore al costo di produzione, nonostante i contratti vigenti in Campania prevedano il prezzo minimo a 48 centesimi al litro e le quotazioni siano schizzate sopra i 50 centesimi in Germania e in Francia. Per il direttore di Coldiretti Salerno “la filiera lattiero-casearia deve garantire una quotazione equa agli allevatori, che non vada solo a coprire i costi, ma offra la giusta redditività alle aziende, già colpite dagli effetti della pandemia”. La crisi del comparto si è aggravata dopo il lockdown e con i costi di produzione schizzati alle stelle. E’ aumentato tutto: il prezzo del mangime per gli animali, le spese energetiche. Tutto tranne il prezzo del latte rimasto fermo a quasi trent’anni fa. “Oggi però una tutela c’è – afferma il direttore Tropiano – grazie alla legge da poco approvata in materia di pratiche commerciali sleali nei rapporti tra imprese nella filiera agricola e alimentare, fortemente voluta da Coldiretti, e che garantisce i nostri allevatori. Il prezzo del mais ha fatto registrare balzi in avanti tra il 50 e l’80 per cento, senza contare i costi energetici. Oggi per produrre un litro di latte i nostri allevatori spendono più di 40 centesimi al litro mentre lo stesso litro viene pagato dalle imprese di trasformazione in media 37-38 centesimi, dieci in meno rispetto ai contratti in Campania. Difficile far quadrare i conti in queste condizioni, tanto che il rischio è quello di perdere altri allevamenti nella nostra provincia. L’intervento sul prezzo riconosciuto ai produttori è l’unica soluzione per salvare il settore”. Coldiretti Salerno ha istituito da subito un servizio di assistenza per le imprese per la sottoscrizione e la regolarità dei contratti, coordinato dall’avvocato Maria Ricchiuti, “unica strategia per salvare e rilanciare le stalle lasciando nelle tasche degli allevatori la giusta remunerazione, un’iniziativa – conclude Tropiano – che punta a garantire trasparenza, lealtà ed equilibrio nei rapporti commerciali”.

Condividi
CILENTANO.IT

Prezzo del latte: grido d’allarme per gli allevatori del Vallo di Diano

error: cilentano.it