luoghi - Pisciotta, Rassegna culturale "I luoghi dell'anima"

Pisciotta, Rassegna culturale “I luoghi dell’anima”

Ieri sera, in una Pisciotta accarezzata dalle prime avvisaglie di Autunno, la POESIA ha trionfato! E non certo quella austera, impenetrabile ed ermetica di scolastica memoria, che pur va omaggiata con estremo rispetto. La POESIA che ha assunto più volti e voci, sonorità e toni è stata, piuttosto, quell’accorato rifugio nei versi tipico di chi, acquisita una serena consapevolezza dell’esistere…., ne esalta le pieghe recondite con umile sobrietà. Il campionario di liriche lette e declamate nella piazzetta del Carmine è rappresentato dal libro COMPLICE LA LUNA, in cui confluiscono molteplici impressioni liriche della prof.ssa ANGELA VENEROSO, docente, pedagogista, mentore di tanti Pisciottani che in lei hanno trovato un riferimento materno e culturale forte e pregevole. La nota insegnante, nel corso degli anni, ha coltivato la passione per la scrittura, componendo testi poetici sui temi più disparati ( amore, affetti familiari, spiritualità…), accarezzando ora valori universali ora i lati di una cilentanità stretta tra natura e senso del lavoro, malinconia e gioiosa scoperta della vita. La Nuova Proloco di Pisciotta, rappresentata dal Vicepresidente, il dott. Rumma Fioravante, è stata ben lieta e onorata di patrocinare l’evento.

L’ennesimo step nel segno della cultura e della valorizzazione culturale, in un programma estivo partito dalla celebrazione del Vescovo Pappacoda e chiusosi con una nostra eccellenza paesana.

La serata, omaggiata nella veste anche di lettore, si è fregiata della presenza, dimessa ma sempre sopraffina, del sindaco Ettore Liguori, interprete di A MIO PADRE, dedica e testamento di una cultura del sacrificio e di una pedagogia spicciola del GRAZIE da cui i giovani di oggi dovrebbero saper ripartire. Grazie alle molteplici tessere di un vivace mosaico: a Nicola De Feo, impareggiabile conduttore dal piglio ironico ma mai insolente, intenso ma sempre misurato; ad Aniello Fiorillo, insignito del titulus di cantore pisciottano perché custode di una rara espressività lirica, pregna di eleganza e, al contempo, di timbriche popolari; grazie alla prof ssa Anna Veneroso e a Lorenzo Cusati, a cui si debbono una serie di quadri e stampe esposte en plein air, a dimostrazione del perfetto sodalizio tra le multiformi anime dell’Arte; grazie alla giovane violinista Beatrice Milo, dispensatrice di tocchi sonori caldi e gentili, garbati sostegni della Dea Parola; all’insegnante Gianluca Veneroso, a cui sono stati affidate le cornici introduttive delle varie sezioni tematiche in cui si è articolato l’evento; a Raffaele Pirfo, dispensatore di quelle attrezzature audio necessarie a una corretta trasmissione dei contenuti al pubblico convenuto; …e grazie a Maria Sofia Fiorillo, Francesca Puglia, Rosaria e Teresa Puglia, Mariarosaria Pinto, Rosa Avallone, Giovanni Mautone, Isabella Splendore, ai succitati Fiore e Anna, alle sorelle Cafaro….in grado di indossare con una verve interpretativa unica le riflessioni introspettive dell’autrice. In grado di calare la lirica in un tessuto intriso di umanità palpabile. Complice…la POESIA…in una notte pisciottana dove la luce lunare era nel cuore dei suoi figli.

Condividi
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: cilentano.it