540x293 20141209 85fe95e66053e6c729100fb6e64a17df jpg - Memorie dal territorio  È cangiata l’aria di Antonio Pellegrino

Memorie dal territorio È cangiata l’aria di Antonio Pellegrino

È cangiata l’aria (è cambiata l’aria) è un modo di dire al quanto diffuso nel senso comune delle lingue dialettali dell’appennino. A Cip Cangia l’aria quando si inneva Cervati ed iniziano a sentirsi le temperature invernali dei venti freddi, a voria (Tramontana) su tutti. Cangia l’aria quando leva a Livantina (Levante) e si schiarisce il colore del cielo, non il calore che può arrivare o andare via. U vientu ri vascio (Libeccio) porta acqua e sabbia, porta l’Africa ogni anno e succede che quando cambia l’aria, si fa tutto rosso! Insomma è cangiata l’aria molto spesso è una questione di venti, di fiato se vogliamo, forse sono i respiri di Gaia. I nostri nonni conoscevano bene i venti, ne anticipavano l’arrivo, ne interpretavano addirittura il temperamento, quasi che i venti parlassero e raccontassero storie agli uomini.
in news http://ricocrea.it

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: cilentano.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: