dimaio maas spallanzani farnesina tw 1024x682 - Italia-Germania, Di Maio a Maas: "Crisi ha rafforzato cooperazione"

Italia-Germania, Di Maio a Maas: “Crisi ha rafforzato cooperazione”

“La crisi Covid, sia nella sua fase più acuta sia ora che ne affrontiamo le conseguenze sul piano economico e sociale, ha rafforzato la nostra cooperazione”. Lo ha dichiarato alla stampa durante una visita allo Spallanzani il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, rivolgendosi all’omologo tedesco, Heiko Maas. “La consolidata collaborazione tra l’Istituto Spallanzani e l’Istituto Robert Koch è un esempio di primissimo livello dell’intensità delle relazioni tra Italia e Germania nel campo scientifico e medico”, ha sottolineato il titolare della Farnesina, ricordando che “grazie all’accoglienza tedesca abbiamo potuto organizzare 44 voli sanitari per il trasporto dall’Italia alla Germania di altrettanti pazienti in terapia intensiva. Gli ultimi tre pazienti accolti dalla Germania sono rientrati in Italia lo scorso 18 giugno”.

UE – “Non possiamo accettare di scendere a compromessi sul futuro dell’economia europea, sulla tenuta del mercato unico, sulla salvaguardia del lavoro e del benessere dei nostri cittadini”, ha quindi dichiarato Di Maio nel corso di un punto stampa a Villa Madama con Maas. “Abbiamo molto apprezzato la presa di posizione della Germania a favore di un piano ambizioso per il rilancio dell’economia europea”, ha affermato Di Maio, sottolineando che “l’Italia sostiene con decisione il pacchetto predisposto dalla Commissione perché questo mira non soltanto a sanare, anche se solo parzialmente la crisi Covid, ma anche a rendere più resiliente il mercato unico”.


“Purtroppo le divergenze tra gli Stati membri restano evidenti – ha aggiunto – e in questo senso pensiamo che Italia e Germania debbano lavorare fianco al fianco per colmare queste distanze e raggiungere un’intesa ambiziosa il prima possibile”.

Anche se le posizioni sono “divergenti’ nei colloqui con Austria e Olanda sul Recovery Fund “sento una disponibilità al compromesso”, ha replicato Maas. “La domanda è non ‘se’, ma ‘come’, ha aggiunto. “Il nostro compito più urgente è avere una ripartenza economica vigorosa” in Europa e questa sarà la “massima priorità” del semestre di presidenza tedesco, ha detto ancora Maas. “Vogliamo un’Europa coraggiosa, ma anche solidale e non vogliamo perdere nessun paese in Europa”, ha sottolineato il capo della diplomazia tedesca.

LIBIA – L’Italia, ha continuato Di Maio, “farà di tutto per evitare ogni tentativo di partizione della Libia”. Per la soluzione della crisi, ha aggiunto il capo della Farnesina, serve “un processo intralibico e inclusivo”. Il popolo libico, “ha sofferto troppo e merita di poter essere artefice del proprio destino”. Oggi a Roma i ministri “hanno visitato il quartier generale della missione Eunafor Med Irini per l’attuazione dell’embargo ONU sulle armi nei confronti della Libia”, rende noto un tweet della Farnesina, che allega una foto della visita.

“Irini – ha detto Maas – è un esempio di incisività a livello europeo. Abbiamo dato un segnale forte”. “L’Europa è disposta ad assumersi le responsabilità anche nei Paesi vicini, e questa visita è servita a capire cosa dobbiamo fare ancora per questa operazione, e dove possiamo ancora rafforzarla, perché Irini è determinante per il processo politico e per portare avanti la stabilità in Libia”, ha continuato Maas nella conferenza stampa congiunta. “Ci sono troppe violazioni dell’embargo sulle armi e per imporre questo embargo abbiamo bisogno di questa operazione nella sua forma più efficace”, ha aggiunto il capo della diplomazia tedesca.

TURISMO – “Stanno arrivando le prime prenotazioni” per l’industria turistica italiana da cittadini tedeschi, francesi e di altri Paesi Ue, ha quindi riferito Di Maio. Tuttavia, “è presto per fare previsioni” sul calo dei flussi turistici dall’estero a causa della pandemia, ha rilevato. “Noi abbiamo lavorato per fare si che i cittadini dell’Area Schengen allargata si possano muovere liberamente”, ha aggiunto, ma “Non possiamo aspettarci flussi come quelli prima della pandemia”.

“Molti tedeschi vogliono tornare questa estate in Italia”, la risposta di Maas che ha ricordato come l’Italia “è una delle mete più ambite” per i turisti tedeschi e “per noi è importante che sicurezza la sicurezza dei tedeschi e dei padroni di casa sia garantita”. Per questo, ha sottolineato Maas, “voglio dire a quanti verranno di rispettare le regole” di sicurezza previste dalle autorità italiane”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: cilentano.it