Guerra in Europa 9/3/22

ZEITEPutin sta minacciando l’Occidente con una guerra nucleare se viene coinvolto. Pensi che sia possibile?

Zelensky: Penso che la minaccia di una guerra nucleare sia un bluff. Una cosa è essere un assassino. Un altro è suicidarsi. Ogni uso di armi nucleari significa la fine per tutte le parti, non solo per la persona che le usa. Piuttosto, la minaccia di Putin mostra una debolezza. Minacci l’uso di armi nucleari solo quando nient’altro funziona. Sono sicuro che la Russia è consapevole delle conseguenze catastrofiche di qualsiasi tentativo di utilizzare armi nucleari.

Draghi – All’8 marzo sono arrivati 21095 cittadini ucraini, oggi sono 23872 principalmente dalla frontiera italo-slovena, oltre il 90 per cento sono donne e bambini: ieri 10500 donne, oggi 12 mila, gli uomini erano 2mila ieri, oggi 2200, i bambini 8500 ieri e oggi 9700. Il flusso è certamente destinato ad aumentare”

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky pubblica un video che documenta la devastazione nell’ospedale pediatrico di Mariupol bombardato dalla Russia.

Il vicesindaco di Mariupol, Sergiy Orlov, secondo quanto riporta il “Guardian”. Orlov ha parlato di 1.170 persone uccise, 47 sepolte oggi in una fossa comune.

Dmitry Peskov, portavoce del Cremlino: “Per porre fine alla guerra tra Ucraina e Russia, la Crimea deve essere riconosciuta come una regione russa e le repubbliche separatiste del Donbass come stati indipendenti.”

Dmitry Peskov

Energoatom – Secondo l’Ispettorato statale per la regolamentazione nucleare: alle 11:22 del 9 marzo 2022 si è verificata una chiusura di emergenza della centrale nucleare da 750 kV di Chernobyl-Kyiv. Di conseguenza, tutte le strutture della centrale nucleare di Chornobyl sono diseccitate. I generatori diesel di emergenza sono in loco per fornire energia ai sistemi critici per la sicurezza. In caso di funzionamento senza problemi, lo stock di gasolio sui generatori diesel sarà sufficiente per 48 ore. ☢ La diseccitazione dell’SSE “Chornobyl NPP” rende impossibile il controllo dei parametri di sicurezza nucleare e dalle radiazioni dell’impianto. Secondo NEC Ukrenergo, le ostilità nella regione rendono impossibile riparare l’azienda per ripristinare l’approvvigionamento energetico.

adnkronos Via libera da parte del Coreper, il comitato dei rappresentanti permanenti degli Stati membri dell’Ue, ad un nuovo pacchetto di sanzioni che colpiscono anzitutto “dirigenti e oligarchi” russi e loro familiari, implicati nell’aggressione militare. Lo comunica la presidenza francese. Approvata anche l’esclusione di tre banche bielorusse dal sistema Swift.

MOSCA. 9 marzo (Interfax) - Il quarto round di colloqui russo-ucraini potrebbe aver luogo dopo l'incontro dei ministri degli esteri dei due Paesi in Turchia, ha affermato l'analista politico bielorusso Yury Voskresensky.

"Per quanto ne so, i colloqui si terranno dopo che il ministro degli Esteri russo e il suo omologo ucraino si incontreranno in Turchia", ha detto Voskresensky al canale televisivo Rossiya-24 (VGTRK).

Il 10 marzo il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov e il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba si incontreranno a margine del Forum della diplomazia di Antalya.

https://war.ukraine.ua/#pll_switcher

Interfax – La Russia ha perso più di 12.000 soldati, 317 carri armati, 49 aerei e 81 elicotteri in Ucraina dal 24 febbraio – Stato maggiore dell’AFU

Le perdite totali in combattimento dell'invasore russo sul territorio dell'Ucraina dall'inizio dell'invasione su vasta scala il 24 febbraio, al 9 marzo, ammontavano a circa 12.000 persone, 317 carri armati, 1.070 veicoli corazzati da combattimento, 120 sistemi di artiglieria , riferisce il servizio stampa dello Stato maggiore delle forze armate ucraine.

Allo stesso tempo, la Russia ha perso durante questo periodo 56 sistemi di lancio multiplo di razzi (MLRS), 28 sistemi di difesa aerea, 49 aerei, 81 elicotteri, 482 veicoli, tre navi/barche, 60 serbatoi con carburante e lubrificanti (carburanti e lubrificanti), sette veicoli aerei senza pilota del livello operativo-tattico.

"I dati sono in fase di verifica. Il calcolo è complicato dall'elevata intensità delle ostilità", afferma il rapporto.

Secondo il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian: “Sono state le azioni della Nato guidata dagli Stati Uniti che hanno gradualmente spinto fino al conflitto Russia-Ucraina”.

Condividi
il blog del cilento
error: cilentano.it