Guerra in Europa – 6/4/22

CNN – L’amministrazione Biden impone nuove sanzioni alle istituzioni bancarie russe e alle figlie di Putin Gli Stati Uniti stanno intraprendendo ulteriori azioni per aumentare la pressione economica sulla Russia e sul presidente Vladimir Putin a seguito di immagini orribili dalla città ucraina di Bucha, annunciando nuove sanzioni mercoledì contro le istituzioni finanziarie russe, così come alcune persone, comprese le figlie adulte di Putin e la moglie e la figlia del suo ministro degli esteri.

Ukraine News 24/7 – Zelensky ha nominato sette paesi pronti ad agire come garanti della sicurezza dell’Ucraina: Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Germania, Polonia, Turchia e Israele.

Mariupol ha due sindaci: il nuovo e’ filorusso

TELEGRAM – Video del bombardamento da parte dell’Orda di una zona residenziale di Severodonetsk Almeno 2 persone sono morte per questo bombardamento.

THE KYIV INDEPENDENT – La Russia ha bombardato edifici residenziali nell’oblast di Luhansk dopo che le autorità ucraine hanno esortato i civili a evacuare. Di conseguenza, il 6 aprile, 10 grattacieli sono andati a fuoco a Sievierdonetsk, secondo il governatore dell’Oblast di Luhansk Serhiy Haidai. Il numero delle vittime è ancora sconosciuto. Le forze russe hanno anche sparato contro un negozio di fabbrica a Lysychansk e un edificio a Rubizhne. In precedenza, il vice primo ministro Iryna Vereshchuk ha esortato i residenti degli oblast di Kharkiv, Donetsk e Luhansk a evacuare, avvertendo che ulteriori bombardamenti russi potrebbero interrompere i corridoi di evacuazione.

UKRINFORM – MARIUPOL BOMBARDATA 118 VOLTE NELLA GIORNATA DI IERI

Nell’ultimo giorno, l’esercito russo ha lanciato 118 attacchi aerei sulla città di Mariupol. La dichiarazione pertinente è stata rilasciata da Liudmyla Denisova, commissaria per i diritti umani di Verkhovna Rada, su Telegram, riferisce un corrispondente di Ukrinform. “Il nemico ha bombardato Mariupol 118 volte solo nell’ultimo giorno”, ha osservato Denisova. Nella città di Rubizhne, nella regione di Donetsk, cinque civili sono rimasti feriti e una persona è stata uccisa. “Ieri, 11 case sono state distrutte durante i bombardamenti russi delle aree residenziali di Rubizhne, Lysychansk, Popasna, Sievierodonetsk e Toshkivka. In generale, le truppe razziste hanno bombardato la regione di Luhansk 81 volte nell’ultimo giorno”, ha detto Denisova. Nelle sue parole, il nemico sta sparando caoticamente su infrastrutture civili e case residenziali nella regione di Kharkiv. Nell’ultimo giorno, queste aree sono state prese di mira 27 volte. Denisova ha sottolineato che bombardare città pacifiche e infrastrutture civili è un crimine di guerra, un crimine contro l’umanità e una grave violazione delle quattro Convenzioni di Ginevra del 1949 e dei relativi protocolli. Denisova ha fatto appello alla Commissione delle Nazioni Unite per le indagini sulle violazioni dei diritti umani durante l’invasione militare russa dell’Ucraina e alla missione di esperti istituita dagli Stati partecipanti all’OSCE nell’ambito del Meccanismo di Mosca per tenere conto di questi crimini di guerra e crimini contro l’umanità e i diritti umani in Ucraina, che sono commessi dalle truppe russe. “Chiedo ai partner internazionali di chiudere il cielo sopra l’Ucraina e fornire armi per combattere lo stato aggressore della Russia”, ha sottolineato Denisova. Ricordiamo che, il 24 febbraio 2022, il presidente russo Vladimir Putin ha avviato un’invasione su vasta scala dell’Ucraina, dando inizio a una guerra. Le truppe russe stanno bombardando e distruggendo le principali infrastrutture, lanciando missili e attacchi aerei su aree residenziali nelle città e nei villaggi ucraini, torturando e uccidendo i civili. mk

В осажденном российскими военными и сепаратистами украинском Мариуполе продолжается эвакуация мирных жителей по безопасным коридорам. ( Leon Klein – Агентство Анадолу )

SOTA TELEGRAM – Anche i glaciologi della Facoltà di Geografia dell’Università statale di Mosca si oppongono alla guerra. (In glaciologia – la scienza che studia il ghiaccio – c’è il concetto di imbuto glaciale.) Foto: SOTA.

Le forze dell’ordine ucraine e gli esperti forensi stanno documentando i crimini di guerra commessi dalle truppe russe a Bucha e Borodianka, nella regione di Kiev. “I pubblici ministeri dell’ufficio del procuratore regionale di Kiev, insieme agli investigatori del dipartimento principale del servizio di sicurezza dell’Ucraina a Kiev e nella regione di Kiev, nonché 50 esperti di istituti di ricerca forense del ministero della Giustizia dell’Ucraina provenienti da diverse regioni del paese sono documentando attivamente i crimini di guerra commessi dalle forze armate russe a Bucha e Borodianka”, informano i servizi stampa dell’ufficio del procuratore generale e del servizio di sicurezza dell’Ucraina, riferisce Ukrinform.

Il Papa nel corso dell’udienza generale: “Nell’attuale guerra in Ucraina, assistiamo all’impotenza dell’Organizzazione delle Nazioni Unite”

Telegram SOTA – Il deputato della Duma della città di Mosca del Partito Comunista della Federazione Russa Savostyanov ha cambiato immagine e si è presentato alla riunione del parlamento della capitale con un’uniforme pseudo-militare. In precedenza, ha sostenuto con forza la guerra con l’Ucraina, chiedendone l’estensione ad altri paesi. “La smilitarizzazione e la denazificazione dell’Ucraina garantiranno una sicurezza sostenibile per i popoli dell’Ucraina, della Russia e di tutta Europa”, ha affermato in una nota. “Per un processo più completo volto a garantire la sicurezza della Federazione Russa, oltre all’Ucraina, ritengo opportuno includere gli Stati baltici, la Polonia, la Moldova e il Kazakistan nella zona di denazificazione e smilitarizzazione”. Foto: Mikhail Timonov.

La procuratrice generale ucraina, Irina Venediktova, ha fatto sapere, dopo una visita serale a Bucha, che si stanno già indagando non meno di 5.000 casi di presunti crimini di guerra commessi dai militari di Mosca.

Le immagini dal drone del tank russo che colpisce l’uomo in bicicletta

CNN – Cosmonauti russi “accecati” dalla controversia sull’arrivo alla ISS con tute spaziali gialle

I tre astronauti russi che sono saliti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale il mese scorso con tute spaziali che riprendevano i colori della bandiera ucraina stavano rendendo omaggio alla loro università e non protestavano contro l’invasione della Russia, ha detto martedì l’astronauta della NASA Mark Vande Hei. Le tute spaziali gialle e blu hanno sorpreso molti osservatori, che presumevano che i russi stessero mostrando sostegno all’Ucraina. Tuttavia, i tre cosmonauti sono tutti laureati alla Bauman Moscow State Technical University, che ha il giallo e il blu nel suo emblema. Vande Hei ha detto che i cosmonauti Oleg Artemyev, Denis Matveev e Sergey Korsakov sono stati colti alla sprovvista dalla controversia sulle loro tute spaziali. “Tutti e tre erano associati alla stessa università e penso che ne siano stati presi alla sprovvista”, ha detto in una conferenza stampa. Vande Hei ha detto che non ha esitato a discutere della guerra con i suoi compagni di equipaggio della ISS. “Non sono state discussioni molto lunghe, ma ho chiesto loro come si sentivano e talvolta ho posto domande mirate, ma il nostro obiettivo era la nostra missione insieme”.

ADNKRONOS – L’ambasciatore cinese presso le Nazioni Unite, Zhang Jun, ha detto che le notizie e le immagini del massacro di civili uccisi a Bucha sono “molto sconvolgenti”, ma ha aggiunto che le circostanze devono essere verificate e che le accuse siano basate sui fatti.

Condividi
il blog del cilento
error: cilentano.it