Guerra in Europa – 31/3/22

UKRINFORM – La Gran Bretagna ei suoi alleati hanno deciso di inviare aiuti militari più letali all’Ucraina per difenderla dall’invasione russa. Questo secondo il segretario alla Difesa britannico Ben Wallace, secondo quanto riferito da Ukrinform citando Reuters. “Ci saranno più aiuti letali in Ucraina come risultato di oggi. Un certo numero di paesi si è fatto avanti con nuove idee o addirittura più impegni di denaro”, ha detto Wallace ai giornalisti dopo aver ospitato oltre 35 partner internazionali alla seconda Difesa internazionale Conferenza dei donatori per l’Ucraina (IDDCU). Leggi anche: Il cessate il fuoco per non portare alla revoca delle sanzioni britanniche – Johnson L’aiuto comprenderà la fornitura di sistemi di difesa aerea e costiera, artiglieria a lungo raggio e capacità di controbatteria, veicoli corazzati, nonché una più ampia formazione e supporto logistico. “La conferenza dei donatori di oggi dimostra la determinazione della comunità internazionale a sostenere l’Ucraina di fronte all’invasione illegale e non provocata del presidente Putin da parte delle forze russe”, ha affermato Wallace in una dichiarazione successiva. Come riportato, dal 24 febbraio è in corso un’invasione russa su larga scala dell’Ucraina. Gli invasori hanno distrutto infrastrutture e bombardato massicciamente le aree residenziali, uccidendo civili ucraini, usando artiglieria, razzi e missili balistici, oltre a sganciare bombe.

Telegram – I russi stanno guidando attrezzature dall’Ucraina alla Bielorussia, dove vengono caricate sui treni e trasferite in direzione del Donbass – media Alla stazione ferroviaria di Khoiniki c’è un treno con equipaggiamento militare. Circa 40 unità sono state caricate sulle piattaforme, tra cui: cannoni semoventi Nona-S, BMD-2, BTR-D, MT-LB, BTR-MD Rakushka, sistemi di difesa aerea Strela-10, camion KAMAZ e Ural.

WIKIPEDIA: Mikhail Yevgenyevich Mizintsev (russo: Михаил Евгеньевич Мизинцев) (nato il 10 settembre 1962) è un colonnello generale russo attualmente in servizio come capo del National Defense Management Center. È stato chiamato il “macellaio di Mariupol” a causa delle sue tattiche militari durante l’invasione russa dell’Ucraina nel 2022, dove è stato accusato di attacchi ai civili, in particolare per aver ordinato il bombardamento di un ospedale pediatrico e il teatro di prosa, dove all’epoca si rifugiavano più di 1000 civili. È accusato di aver usato la stessa tattica brutale nella guerra civile siriana nel 2016, che ha portato alla distruzione della città di Aleppo. Secondo l’avvocato ucraino per i diritti umani Oleksandra Matviichuk, dovrebbe essere ritenuto responsabile di questi crimini di guerra presso la Corte penale internazionale dell’Aia.

RAINEWS24 – “Non c’è un cessate il fuoco a Mariupol, la città è ancora sotto attacco. Il cessate il fuoco riguarda i corridoi umanitari, il segmento che va da Berdyansk a Zaporizhzhia”. Lo ha detto la vicepremier ucraina con delega alla Reintegrazione dei Territori Occupati, Iryna Vereshchuk, incontrando in videocollegamento i media internazionali a Leopoli.

Gostomel ora

Putin ha firmato il decreto presidenziale sulle regole del commercio di gas naturale russo con i cosiddetti Paesi ostili per il pagamento in rubli che entrerà in vigore da domani, primo aprile. “Nessuno ci vende niente gratis, e noi nemmeno faremo opere di carità. Ciò significa che i contratti esistenti, in caso di mancato pagamento del gas in rubli, saranno interrotti”

ADNKRONOSSale ancora il bilancio delle vittime dell’attacco russo di martedì contro l’edificio dell’amministrazione della città di Mykolaiv, nel sud dell’Ucraina. Su Facebook il servizio statale di emergenza ucraino conferma che “20 persone sono morte per l’impatto di un missile” lanciato dal “nemico contro l’edificio dell’amministrazione regionale”. L’ultimo bilancio diffuso solo poche ore fa parlava di 16 morti.

telegram – Il governo spagnolo ha già inviato un totale di dieci aerei con armi offensive in Ucraina. Lo ha affermato il ministro della Difesa del Regno Margarita Robles.

ANSALA SITUAZIONE A CHERNOBYL – “La situazione a Chernobyl è catastrofica, i russi non hanno il controllo della situazione. Si rischiano effetti ad ampio raggio. L’area della centrale deve essere de-militarizzata. Ho scritto di mio pugno una lettera al segretario generale dell’Onu Guuterres per chiederlo”. Lo ha detto, incontrando i media internazionali in videocall a Leopoli, la vicepremier Iryna Vereshchuk.

“La scorsa notte i soldati russi hanno usato bombe al fosforo a Mariinka, Krasnogorivka, Novomyhailivka, nella regione di Donetsk”. Lo ha detto al tg il governatore della regione Pavlo Kyrylenko, aggiungendo che “sono 11 i civili feriti nelle esplosioni, di cui 4 bambini”.

UKRAINE NEWS24 – Aerei russi con armi nucleari hanno violato lo spazio aereo svedese. Secondo il canale televisivo svedese TV4 Nyheterna, la violazione è stata un atto deliberato per intimidire il Paese.

ukrinform – Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet: – La Russia ha usato munizioni a grappolo nelle aree popolate almeno 24 volte dall’inizio dell’invasione. Secondo l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, più di quattro milioni di persone sono state costrette a fuggire dall’Ucraina verso i paesi vicini, di cui 2,3 milioni per la Polonia, 608.000 per la Romania e altre centinaia di migliaia per Moldova, Ungheria, Russia e Slovacchia. Secondo l’UNICEF, più di due milioni di bambini hanno lasciato l’Ucraina. Al Forum di Ginevra, l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani ha anche riferito che i bombardamenti russi hanno danneggiato strutture mediche, inclusi 50 ospedali. Ribadendo gli appelli del Segretario generale delle Nazioni Unite per la cessazione delle ostilità, Bachelet ha insistito sul fatto che la leadership russa “deve ascoltare gli appelli chiari e forti dell’Assemblea generale di questo Consiglio e deve immediatamente ritirare le sue truppe dal territorio ucraino”.

ANSA – I primi autobus diretti a Mariupol per l’evacuazione dei civili sono partiti: 17 bus si sono già mossi per Mariupol da Zaporizhzhia (a circa 220 km a nord-ovest). Lo ha detto la vicepremier Iryna Vereshcuk.

SOTA – Il gruppo artistico di San Pietroburgo “Yav” ha pubblicato il suo nuovo lavoro dedicato all’eliminazione della libertà di parola in Russia. Secondo gli artisti, 3 tipografie su 4 si sono rifiutate di stampare il poster, che ora è affisso a Zaslonova, 40.

Non crediamo in nessuno, in nessuna bella costruzione verbale. C’è una situazione reale sul campo di battaglia… combatteremo per ogni metro della nostra terra, per tutto il nostro popolo.

https://kyivindependent.com/ – Sondaggio: l’83% dei russi sostiene Putin.Il sondaggio dell’organizzazione di ricerca sociologica indipendente russa Levada Center, condotto tra il 24 e il 30 marzo, ha mostrato che il sostegno del pubblico russo alle azioni del loro presidente è aumentato di oltre il 10% rispetto ai dati di gennaio o febbraio. Era del 69% a gennaio e del 71% a febbraio.

La Slovacchia espelle 35 diplomatici russi. Il ministero degli Esteri slovacco ha annunciato di aver espulso 35 diplomatici russi dalla sua ambasciata a Bratislava. La Slovacchia afferma che le azioni di uno dei diplomatici russi hanno violato la Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche.

PRIGIONIERI RUSSI IN CONFERENZA STAMPA AD INTERFAX UKRAINE

InterfaxIl capo dell’AIEA ha affermato che i suoi ispettori potrebbero visitare le centrali nucleari ucraine

Il direttore generale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) Rafael Mariano Grossi ha affermato che gli ispettori dell’agenzia potrebbero essere presenti nelle centrali nucleari ucraine durante la guerra. “Speriamo di poter iniziare a fornire aiuti all’Ucraina nei prossimi giorni, magari inviando anche ispettori ed esperti tecnici dell’agenzia qui in Ucraina per supportare alcune azioni in diversi siti”, ha detto Grossi in un briefing presso la centrale nucleare di Yuzhnoukrainsk. NPP) mercoledì, il cui video è a disposizione dell’agenzia Interfax-Ucraina. Riassumendo un incontro con il ministro dell’Energia Herman Haluschenko e i capi dell’Ispettorato statale per la regolamentazione nucleare Oleh Korikov e Energoatom Petro Kotin, Grossi ha affermato che “è stata una mattinata di analisi e valutazione di una serie di aree specifiche in cui l’AIEA e l’Ucraina collaborerà”. “È stato un lavoro molto intenso e scrupoloso su ciascuno di questi punti, che è continuato in seguito”, ha spiegato. Secondo lui, queste aree riguardano l’assistenza che l’AIEA fornirà all’Ucraina in alcune aree, inclusa la sicurezza delle centrali nucleari, oltre a garantire il funzionamento del sistema di salvaguardia, conducendo “normalmente”, come ha affermato. , ispezioni effettuate in ogni impianto nucleare del mondo. “Come sapete, molta assistenza internazionale sta arrivando in Ucraina, in particolare apparecchiature e componenti nucleari, e la invieremo, ordineremo e la abbineremo alle esigenze di varie strutture in quattro grandi siti nucleari nel paese e altri strutture”, ha detto Grossi, delineando il compito dell’Aiea.

© Adrian Almasan – www.adrianalmasan.com

Condividi
il blog del cilento
error: cilentano.it