Guerra in Europa – 2/4/22

Pulizia da parte della polizia nazionale di Bucha, nella regione di Kiev.

UKRINFORM – Nella città di Irpin, nella regione di Kiev, i soccorritori hanno trovato e sequestrato più di 600 oggetti esplosivi. La dichiarazione pertinente è stata rilasciata dal servizio di emergenza statale ucraino su Telegram, riferisce un corrispondente di Ukrinform. “Il 2 aprile 2022, i soccorritori della regione di Kiev hanno ispezionato l’area delle ostilità a Irpin, nel distretto di Bucha. Nel corso dell’ispezione sono stati sequestrati in totale 634 oggetti esplosivi”, afferma il rapporto.

TELEGRAM – Il primo ministro finlandese Sanna Marin ha sostenuto l’adesione del paese alla NATO e ha invitato tutte le parti a discutere.

ADNKRONOSl’intera regione di Kiev è stata liberata. Lo annuncia la viceministro della Difesa Hanna Malyar, spiegando che la ritirata ha riguardato anche la zona di Irpin, Bucha e Gostomel.

ANSA – La Turchia è pronta a fornire navi per l’evacuazione di civili e feriti da Mariupol, assediata dall’inizio di marzo.Lo ha affermato il ministro della Difesa turco Hulusi Akar, come riferisce l’agenzia turca Anadolu.

SOTA – A Mosca “Zaryadye” sono iniziati gli arresti. Secondo il nostro corrispondente, sono partiti dopo un segnale della polizia.

SOTA, S. PIETROBURGO – A San Pietroburgo, vicino a un ospedale militare, i cadetti hanno aggredito la giornalista di Sota, Victoria Arefieva. Ha filmato una manifestazione contro la guerra Arefieva ha detto che le forze di sicurezza hanno fatto cadere a terra lei e il secondo giornalista, Konstantin Lenkov, provocando la rottura degli occhiali e del telefono di Victoria. I cadetti hanno portato via oggetti personali ai giornalisti e li hanno restituiti solo all’arrivo degli agenti di polizia.

RAINEWS24 – Dopo una lunga ricerca nei pressi del villaggio Guta Mezhyhirska nella regione di Kiev, la polizia ha trovato il corpo del fotografo e documentarista Max Levin. E’ quanto riferisce la testata Lb.ua, per cui Levin lavorava. Il fotografo, accompagnato da Oleksiy Chernyshov, un militare in servizio ed ex fotografo, era andato lo scorso 13 marzo a Guta Mezhyhirsk per documentare le conseguenze dell’aggressione russa. I due, lasciata la macchina, si erano diretti verso il villaggio di Moshchub. Si è poi saputo che in quell’area erano scoppiati intensi combattimenti.

TELEGRAM – Questa mattina è stato lanciato un attacco missilistico al Central Park of Culture and Leisure a Kharkov Lo riferiscono le autorità locali. Durante i bombardamenti, le persone stavano lavorando nel parco. Ferito un giardiniere di 57 anni.

ADNKRONOS – Ucraina, Kiev: “Russia muove truppe in Transnistria”

Secondo lo Stato maggiore ucraino, ci sarebbe un “ridispiegamento” verso l’entità separatista della Moldova al confine con il Paese. “E’ stato intensificato il lavoro per mobilitare unità di truppe russe con sede nel territorio della regione transnistriana della Repubblica di Moldova al fine di condurre provocazioni e svolgere azioni dimostrative al confine con l’Ucraina”

TELEGRAM – Nella regione di Kiev, i residenti locali hanno salvato un cervo che, a seguito dei bombardamenti delle truppe russe, ha ricevuto gravi ustioni.

TELEGRAMEnergoatom riferisce che una serie di forti esplosioni si sente a Energodar, che ora è sotto il controllo dell’esercito russo e dove si trova la centrale nucleare di Zaporozhye.

ANSA – I russi distruggono piste aeree Poltava e Dnipro – Le forze armate russe hanno distrutto le piste d’atterraggio a Poltava e Dnipro in Ucraina con attacchi di precisione. Lo ha annunciato il portavoce del ministero della difesa russo Igor Konashenkov, come riporta la Tass. “Le piste d’atterraggio militari a Poltava e Dnepr sono state disattivate da attacchi missilistici di alta precisione aria-terra”, ha osservato. Secondo Konashenkov, la difesa aerea russa ha anche abbattuto due elicotteri ucraini Mi-24 vicino alla città di Sumy, così come 24 droni ucraini.

Telegram – Vicino a Zaporozhye, i nazisti hanno bloccato circa 400 auto dei residenti di Melitopol che volevano evacuare la città.

I russi stanno minando case e cadaveri”

I russi stanno minando le case colpite dagli attacchi, prima di andarsene. Ma anche i corpi senza vita delle vittime della guerra. E’ l’accusa del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, che nel suo ultimo video messaggio ha detto che i militari russi stanno creando ”un disastro totale” nelle zone dalle quali si stanno ritirando attorno a Kiev e a Chernihiv nel nord lasciando mine ”sull’intero territorio”. I russi, ha avvertito Zelensky, ”stanno minando l’intero territorio. Sono case minerarie, attrezzature minerarie, persino i corpi di persone che sono state uccise. Ci sono molti cavi di innesco, molti altri pericoli”.

Usa affermano che stanno fornendo all’Ucraina materiale nel caso la Russia usi armi chimiche, ha detto la portavoce della Casa Bianca Jen Psaki.

CNN – Forze russe si sono ritirate dall’aeroporto Antonov di Hostomel, non è chiaro dove siano andate le forze militari che provenivano dalla Bielorussa poiche’ “una spessa copertura nuvolosa sta attualmente impedendo a qualsiasi immagine satellitare di tracciare i movimenti delle truppe russe nella zona”

Telegram – Dal 24 febbraio al 31 marzo, l’ONU ha registrato 3.257 vittime di guerra tra la popolazione civile, dei 1.276 morti 115 sono bambini. Feriti 1981, di cui 160 bambini. Tutti i casi si sono verificatiquasi sempre a causa di bombardamenti e attacchi aerei.

Air raid map – si segnalano attacchi nel Dnepr con esplosioni a Krivoy Rog

Fine dell'allarme per tutti tranne la regione di Zaporozhye. Attendiamo dati ufficiali sulle esplosioni

Telegram – Bucha: lì un ceceno e un bielorusso hanno torturato un uomo e una donna nella loro casa.

Telegram – Per ripristinare le infrastrutture di Mariupol serviranno almeno 10 miliardi di dollari. Si tratta di una stima minima preliminare, che verrà chiarita nel processo di riparazione della distruzione causata dall’aggressione russa. Per fare ciò, il consiglio comunale di Mariupol ha creato una speciale commissione sostitutiva.

Gli ispettori dell’Agenzia internazionale per l’energia nucleare (AIEA) arriveranno a tutte e tre le centrali nucleari in funzione controllate dall’Ucraina e alla centrale nucleare di Zaporizhia, catturata dalle truppe russe, solo dopo che sarà stata liberata, ha affermato Petro Kotin, capo di Energoatom. “Abbiamo concordato con l’AIEA che ovunque – presso le centrali nucleari di Rivne, Khmelnytsky e Yuzhnoukrainsk – i loro ispettori saranno presenti e controlleranno lo stato della sicurezza e la possibile minaccia se gli invasori russi cercheranno di avvicinarsi con l’obiettivo di catturare, ” ha detto venerdì su Apostrophe TV.

Condividi
il blog del cilento
error: cilentano.it