Guerra in Europa – 17/7/22

UNIAN – Le forze armate ucraine con missili ad alta precisione hanno distrutto il deposito di munizioni russo nella regione di Alchevsk, temporaneamente occupata, di Luhansk. UPD. I difensori ucraini hanno distrutto la base degli invasori nel deposito del filobus di Alchevsk. Il “racket” è stato lanciato al mattino, quando gli sfoghi ubriachi erano appena andati a letto. Bene, anche una potente “bavovna” è stata portata ad Alchevsk!

Gli occupanti stavano per deportare gli abitanti della regione di Zaporozhye con una posizione filo-ucraina Lo ha annunciato il sindaco di Melitopol Ivan Fedorov. “Lo pseudo-governo ha emesso uno pseudo-ordine che i residenti dei territori temporaneamente occupati della regione di Zaporozhye saranno deportati per simboli ucraini, per una posizione non filo-russa”, ha detto. Il sindaco è sicuro che ciò non accadrà: le forze armate ucraine entreranno in città prima.

Gli attacchi dell’HIMARS ai magazzini degli invasori potrebbero ridurre l’attività dell’artiglieria russa Secondo l’Institute for the Study of War (ISW), dal 10 luglio circa, il numero di anomalie termiche rilevate nel Donbass è notevolmente diminuito. Questo potrebbe essere il risultato degli attacchi dei difensori ucraini dell’HIMARS ai depositi di munizioni, alle unità posteriori e ai posti di comando russi. O il risultato di una pausa operativa presa dagli invasori. “L’intensità dei bombardamenti dell’artiglieria russa in direzione di Slavyansk-Bakhmut nei prossimi giorni potrebbe chiarire in che misura la diminuzione dell’intensità sia stata causata da una pausa operativa o dal risultato di attacchi ucraini”, affermano gli esperti americani.

Putin probabilmente ha ordinato alle forze russe di prendere il controllo dell’intera regione di Kharkiv Secondo l’Institute for the Study of War nel suo rapporto, si stima che la probabilità che la Russia abbia successo in un tale sforzo sia estremamente bassa. E poi seguiranno dichiarazioni che, come “gesto di buona volontà”, l’orda di Putin si è ritirata

Condividi
CILENTANO.IT
error: cilentano.it