Guerra in Europa – 17/3/22

eurointegration.com.uaDRAGHI – Putin non vuole la pace

Il presidente russo Vladimir Putin non vuole davvero la pace e potrebbero essere necessarie ulteriori sanzioni per porre fine alla guerra in Ucraina.

Lo ha affermato il premier italiano Mario Draghi, scrive "Verita' europea" riferendosi all'Ansa.

"Oggi cerchiamo tutti la pace, ma purtroppo il presidente Putin non vuole la pace", ha detto Draghi.

The Kyiv Independent – Blinken è d’accordo con Biden, dice che Putin è un criminale di guerra.

“Prendere intenzionalmente di mira i civili è un crimine di guerra. Dopo tutta la distruzione delle ultime tre settimane, trovo difficile concludere che i russi stiano facendo diversamente”, ha affermato il segretario di Stato americano Antony Blinken.

ADNKRONOS – Bomba su teatro a Mariupol: “Stiamo ancora aspettando i dettagli, ma sembra che la maggior parte delle persone fosse nei sotterranei, che non sono stati distrutti“.

KIEV POST – Un funzionario ucraino afferma che un terzo degli aerei dell’invasione russa è già stato abbattuto.

Un alto funzionario ucraino martedì ha affermato che l’aviazione della Federazione Russa (RF) ha già perso un terzo degli aerei schierati dal Cremlino per supportare la sua invasione militare del suo vicino meridionale. Vadym Denysenko, un consigliere del Ministero degli affari interni ucraino, ha detto al canale televisivo Channel 24 che gli aerei da combattimento delle forze armate ucraine (UAF) e le difese aeree di terra hanno distrutto poco meno di cento jet da combattimento RF dal 24 febbraio. Secondo le stime dell’intelligence UAF , ha detto, Mosca ha concentrato circa 300 aerei da combattimento, trasporto, ricognizione e bombardieri per sostenere il suo attacco.

Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky parlerà in videoconferenza con la Camera e il Senato a Montecitorio il 22 marzo alle ore 11.00. Lo si apprende dalla riunione dei capigruppo della Camera, che si e’ svolta stamane

Vice sindaco di Mariupol: “a Mariupol non è rimasto un palazzo intero. Per bere la gente è costretta a sciogliere la neve, a prendere l’acqua dalle pozzanghere o a scaricarla dai termosifoni”

The kyiv independent – Le truppe russe uccidono 53 civili a Chernihiv in un giorno. Il governatore dell’Oblast di Chernihiv, Vyacheslav Chaus, ha affermato che 53 corpi sono stati consegnati agli obitori della città il 16 marzo. Le vittime sono state uccise dal fuoco dell’artiglieria e dagli attacchi aerei.

Volododymyr Zelensky al Bundestag: ”caro cancelliere Scholz, distruggete questo muro e donate alla Germania il ruolo di leader che merita

Ukrainians Cross Over the Border into Poland Refugees Kyiv,Lutk,Lvov,Poltava,Mariupol,Odessa

L'ambasciatore afferma che la Cina non attaccherà mai l'Ucraina.

Secondo quanto riferito, Fan Xianrong, ambasciatore cinese in Ucraina, ha dichiarato il 16 marzo in un incontro con il governatore dell'Oblast di Leopoli Maksym Kozytsky che la Cina non avrebbe mai attaccato l'Ucraina e avrebbe fornito aiuti economici al paese. I media occidentali hanno riferito in precedenza che la Russia aveva chiesto alla Cina aiuti militari e che la Cina avrebbe espresso disponibilità a fornirli.

I resti di un missile da crociera abbattuto dalla contraerea hanno colpito un edificio residenziale a Kiev, nel distretto di Darnytskyi. E’ avvenuto intorno alle ore 5:00 locali. Il bilancio – secondo quanto riferito dal Servizio di emergenza statale ucraino – è di un morto e tre feriti. Trenta persone inoltre sono state evacuate.

RICHIESTA RIUNIONE DI EMERGENZA CONSIGLIO DI SICUREZZA ONU

The kiev independent – Ucraina e Aiea firmano accordo sulla sicurezza nucleare. Il capo della compagnia energetica nucleare statale ucraina Energoatom Petro Kotin ha affermato che è in corso la creazione di un accordo sulle garanzie di sicurezza per gli impianti e il materiale nucleare tra l’Ucraina e l’Agenzia internazionale per l’energia atomica.

ANSA – Bombe su civili: Ancora bombe sui civili a Kiev e a Mariupol / ‘Donne incinte e bimbi sono sotto le macerie’

Condividi
il blog del cilento
error: cilentano.it