regione 1024x409 - Distretto Rurale Culturale "Cilento Antico": progetto alla Regione Campania

Distretto Rurale Culturale “Cilento Antico”: progetto alla Regione Campania

E’ stato consegnato ieri a Palazzo S. Lucia, a Napoli, presso la sede della Regione Campania, il progetto relativo al Distretto Rurale Culturale “Cilento Antico“. Nelle scorse settimane si è costituito il Comitato Promotore “Pro-Distretto Rurale Culturale Cilento Antico – organizzazione non lucrativa di utilità sociale”, espressione del partenariato istituzionale ed economico-sociale locale dell’area cilentana, geograficamente individuabile, nei Sistemi di Sviluppo Territoriali Magna Grecia, Gelbison Cervati e Alento Montestella.

Persegue finalità di carattere collettivo in favore dei territori e delle comunità rurali, coerentemente con quanto previsto dalle specifiche politiche nazionali ed europee. Gli organi del Comitato sono: l’Assemblea (organo decisionale dell’associazione, composto da tutti gli aderenti); il Presidente (legale rappresentante del Comitato Promotore); il Consiglio Direttivo (organo di governo del Comitato Promotore); la Consulta Tecnica (costituita dai delegati indicati dai membri aderenti al Comitato Promotore e designati dalle rappresentanze di categoria e dai rappresentanti delle amministrazioni locali). L’attuale Consiglio Direttivo è composto da: Mauro Inverso, Luigi Scorziello, Ettore Bellelli, Gennaro Scogliamiglio, Alfonso Maria Pepe. Nei giorni scorsi si sono svolti due incontri, uno a Paestum, l’altro ad Albanella, che sono stati occasione di presentazione della strategia e della composizione del partenariato.

In quelle sedi, il presidente del GAL Cilento Regeneratio, Ing. Mauro Inverso ha così illustrato come è nata l’idea del Distretto Rurale Culturale “Cilento Antico” e gli obiettivi: «Quando nell’ottobre scorso la Regione ha provveduto ad approvare il regolamento relativo ai distretti, abbiamo iniziato a lavorare per poter essere pronti e presentare entro il 31 dicembre 2019 il nostro progetto. Mi è bastata una chiamata ai sindaci e alle aziende per ricevere subito la loro adesione. Ad oggi, il nostro Distretto di compone di 24 Comuni, per aree eterogenee ed omogenee, e 50 aziende. E di nuove se ne aggiungeranno da qui al riconoscimento.

Abbiamo immaginato un Distretto che parte dalla Magna Grecia, con i due assi importanti rappresentati da Paestum e Velia, grandi attrattori culturali e poi dalla costa ci si sposta verso l’interno per sfruttare le peculiarità del Cilento interno e magari arginare il fenomeno dello spopolamento. Vogliamo creare una speranza e fare in modo che i giovani non debbano pensare di lasciare le loro aree per andare a cercare il lavoro altrove. Ci siamo riusciti con il GAL, passando da 50esimi a primi in graduatoria, sono convinto che possiamo riuscirci anche in questa avventura. Abbiamo messo insieme realtà rurali, culturali, scientifiche ed economiche – precisa – che hanno una medesima identità culturale. Ora – conclude – tocca solo portarle a regime trasformando la loro energia potenziale in cinematica. Sono convinto che ci riusciremo».

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: cilentano.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: