gimbe1 1024x568 - Covid in Italia, Gimbe: rallenta l’incremento dei nuovi casi (+20%), ma aumentano ricoveri e terapie intensive.

Covid in Italia, Gimbe: rallenta l’incremento dei nuovi casi (+20%), ma aumentano ricoveri e terapie intensive.

5 agosto 2021
Coronavirus: rallenta l’incremento dei nuovi casi (+20%), ma aumentano ricoveri e terapie intensive. Vaccini: risalgono al 29,5% le prime dosi, ma le consegne limitate rischiano di frenare la campagna.

IL MONITORAGGIO DELLA FONDAZIONE GIMBE, NELLA SETTIMANA 28 LUGLIO-3 AGOSTO, RILEVA UN RALLENTAMENTO NELLA CRESCITA NUOVI CASI. CONTINUANO A SALIRE I PAZIENTI RICOVERATI IN AREA MEDICA (+36,3%) E NELLE TERAPIE INTENSIVE (+36,5%): I NUMERI ASSOLUTI RIMANGONO BASSI, MA CON RILEVANTI DIFFERENZE REGIONALI DI SATURAZIONE DEI POSTI LETTO. RESTANO STABILI I DECESSI. TORNA A SALIRE LA PERCENTUALE DELLE PRIME DOSI SUL TOTALE DELLE SOMMINISTRAZIONI, MA LA CAMPAGNA VACCINALE, ORMAI DIPENDENTE DAI VACCINI A MRNA, PUÒ CONTARE SU UN NUMERO DI DOSI INSUFFICIENTE PER MANTENERE IL RITMO. ALLA VIGILIA DELLA PAUSA ESTIVA DALLA FONDAZIONE GIMBE UNA REVISIONE DELLE DINAMICHE DELLA CIRCOLAZIONE DEL SARS-COV-2 E DELL’IMPATTO DELLA COVID-19 SUGLI OSPEDALI.

«Dopo i primi segnali di risalita – afferma Renata Gili, responsabile Ricerca sui Servizi Sanitari della Fondazione GIMBE – si conferma un netto incremento percentuale dei ricoveri: +36,3% in area medica e +36,5% in terapia intensiva». In termini assoluti, il numero di posti letto occupati da parte di pazienti COVID in area medica è passato dal minimo di 1.088 del 16 luglio ai 2.196 del 3 agosto e quello delle terapie intensive dal minimo di 151 del 14 luglio ai 258 del 3 agosto, ma al momento le percentuali di occupazione a livello nazionale rimangono molto basse: 4% in area medica e 3% nelle terapie intensive. Tuttavia, si osserva una notevole eterogeneità regionale: per l’area medica si collocano sopra la media nazionale Sicilia (11%), Calabria (9%), Campania (6%), Basilicata (6%), Lazio (6%) e Sardegna (5%) (figura 5); per l’area critica sopra media nazionale Sardegna (10%), Liguria (6%), Lazio (5%), Sicilia (4%) e Toscana (4%) (figura 6). «Aumentano gli ingressi giornalieri in terapia intensiva – spiega Marco Mosti, Direttore Operativo della Fondazione GIMBE – con una media mobile a 7 giorni di 21 ingressi/die rispetto ai 14 della settimana precedente»

Vaccini: forniture. Al 4 agosto (aggiornamento ore 6.09) risultano consegnate 72.149.518 dosi, da cui vanno sottratte 255.050 dosi di Johnson & Johnson non utilizzate e restituite dalle Regioni alla struttura commissariale. Dopo il picco di consegne registrato tra il 28 giugno e il 4 luglio (5.669.727 dosi), nelle due settimane successive le forniture settimanali si sono attestate intorno a 2,6 milioni di dosi per scendere a 2,5 milioni nella settimana 19-25 luglio e risalire a quota 2,7 milioni la scorsa settimana.

20210805 Figura8 960x514 - Covid in Italia, Gimbe: rallenta l’incremento dei nuovi casi (+20%), ma aumentano ricoveri e terapie intensive.

Vaccini: somministrazioni. Al 4 agosto (aggiornamento ore 6.09) il 65,5% della popolazione (n. 38.814.033) ha ricevuto almeno una dose di vaccino (+1.107.982 rispetto alla settimana precedente) e il 56% (n. 33.183.256) ha completato il ciclo vaccinale (+2.181.944) (figura 9). In calo nell’ultima settimana il numero di somministrazioni (n. 3.397.134) (figura 10) e la media mobile a 7 giorni (445.908 dosi/die) (figura 11), entrambi parzialmente influenzati dal mancato aggiornamento dei dati da parte della Regione Lazio a seguito dell’attacco hacker. «Di fatto – precisa Cartabellotta – il numero di somministrazioni giornaliere non riesce a decollare sia per la limitata disponibilità di vaccini a mRNA, sia perché non vengono più utilizzati quelli a vettore adenovirale per le prime dosi». In dettaglio, AstraZeneca viene impiegato quasi esclusivamente per i richiami (98,4% delle somministrazioni nell’ultima settimana); le somministrazioni di Johnson & Johnson sono ormai esigue (poco meno di 35 mila nell’ultima settimana) e le Regioni hanno iniziato a restituire le dosi non utilizzate; la limitata disponibilità di dosi di vaccini a mRNA ostacola, a breve termine, la possibilità di accelerare la vaccinazione negli under 60, oltre che di convincere gli over 60 ancora scoperti che rifiutano i vaccini a vettore adenovirale. «Dopo oltre un mese di decremento – spiega Mosti – nelle ultime due settimane risale la percentuale di prime dosi sul totale delle dosi somministrate: nella settimana 26 luglio-1 agosto poco più di 1 milione, pari al 29,5% del totale»

gimbe2 960x753 - Covid in Italia, Gimbe: rallenta l’incremento dei nuovi casi (+20%), ma aumentano ricoveri e terapie intensive.
Condividi
error: cilentano.it