france 1024x461 - Capaccio Paestum pronta a gemellarsi con la città francese di Rueil-Malmaison

Capaccio Paestum pronta a gemellarsi con la città francese di Rueil-Malmaison

Capaccio Paestum pronta a gemellarsi con la città francese di Rueil-Malmaison, un Comune con oltre 80 mila abitanti, confinante con Parigi, che ospita da anni una comunità di persone originarie della Città dei templi. Stamattina, il sindaco Franco Alfieri e un rappresentate della delegazione della cittadina francese in visita a Capaccio Paestum hanno firmato il protocollo che porterà poi alla definizione del gemellaggio. L’obiettivo è quello di promuovere tra le due Città rapporti in ambito culturale, formativo e commerciale.PUBBLICITÀ

Capaccio Paestum ha intrapreso da tempo un percorso di conoscenza con Rueil-Malmaison, Comune situato nel dipartimento dell’Hauts-de-Seine nella regione dell’Île-de-France e nel cui noto castello soggiornò anche Napoleone Bonaparte. Nel corso degli anni si è instaurato un rapporto con l’amministrazione comunale della cittadina francese. Nella città, infatti, risiede una comunità di origini capaccesi che politicamente è anche rappresentata in Comune attraverso la consigliera Vincenza Valletta. Da più confronti è emerso che le caratteristiche delle due città possono offrire reciprocamente una opportunità di scambio tra di esse.

«Il gemellaggio, in quanto sintesi di culture e tradizioni diverse che vanno a integrarsi creando una forma di conoscenza e rispetto reciproco, è un arricchimento per le Comunità delle cittadine che si incontrano e si legano – dichiara il sindaco Franco Alfieri – Dal gemellaggio con Rueil-Malmaison Capaccio Paestum può trarre l’opportunità di accrescere la sua economia con scambi commerciali e con l’estensione del bacino turistico, e può avere anche l’occasione di interfacciarsi in maniera più diretta ad altre realtà europee».

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: cilentano.it